Titolo Low intensity magnetic field influences short-term memory: A study in a group of healthy students.
Rivista Bioelectromagnetics.
Numero 2016 Jan;37(1):37-48. doi: 10.1002/bem.21944. Epub 2015 Dec 11.
Autori Navarro EA1, Gomez-Perretta C2, Montes F3.
Enti
  • 1Department of Applied Physics and Electromagnetism, Universitat de València, Valencia, Burjassot, Spain.
  • 2Research Center, Hospital Universitario LA FE, Valencia, Spain.
  • 3Department of Statistics and Operation Research, Universitat de València, Valencia, Burjassot, Spain.
Link http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26661640
Accesso  

Abstract

Questo studio analizza se uno stimolo magnetico esterno (2kHz e circa 0.1 microTesla applicato vicino alla corteccia frontale) influenza la memoria, la percezione, la decisione binaria, l'esecuzione motoria, e l'attenzione costante negli esseri umani. A un gruppo sperimentale di soggetti maschi giovani e sani (n=65) è stato applicato uno stimolo magnetico e uno stimolo sham (fasullo, ndr) a entrambi i lati della testa (corteccia frontale vicino all'area temporal-parietale) durante l'esecuzione del test di scansione della memoria di Sternberg. C'è stato un significativo cambiamento nel tempo di reazione. I tempi osservati per la percezione, l'attenzione sostenuta e l'esecuzione motoria sono stati più bassi nei soggetti esposti (p < 0.01). Tuttavia, il tempo impiegato per la decisione binaria è aumentato nei soggetti esposti a campi magnetici. Dai risultati, appare che un'esposizione a bassa intensità a 2 kHz modifichi la memoria a breve termine, come pure la percezione, la decisione binaria, l'esecuzione motoria e l'attenzione sostenuta.