Titolo The role of electromagnetic fields in neurological disorders.
Rivista J Chem Neuroanat.
Numero 2016 Apr 12. pii: S0891-0618(16)30057-6. doi: 10.1016/j.jchemneu.2016.04.003. [Epub ahead of print]
Autori Terzi M1, Ozberk B2, Deniz OG3, Kaplan S3.
Enti 1 Department of Neurology, Faculty of Medicine, Ondokuz Mayis University, Turkey.
2 Department of Neurology, Faculty of Medicine, Ondokuz Mayis University, Turkey.
3 Department of Histology and Embryology, Faculty of Medicine, Ondokuz Mayis University, Turkey
Link http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27083321
Accesso  

Abstract

Nel mondo moderno, le persone sono esposte a campi elettromagnetici (CEM) come parte della loro vita quotidiana; la domanda importante è: "Qual'è l'effetto dei campi elettromagnetici sulla salute umana?". Una buona parte degli studi effettuati sono di natura epidemiologica, e non si hanno ancora prove concrete della patofisiologia dei CEM. Diversi fattori possono condurre ad alterazioni chimiche, morfologiche, elettriche nel sistema nervoso in modo diretto o indiretto. E' stato riportato che i CEM hanno effetto sugli animali e sulle cellule. I cambiamenti che determinano nei sistemi biologici  possono causare stress ossidativo, che è determinante per il processo neurofisiologico; esso è associato con un aumento di ossidazione nelle specie, o con una riduzione dei sistemi di difesa antiossidanti. Un grave stress ossidativo può causare squilibri nelle specie reattive dell'ossigeno, che possono innescare la neurodegenerazione. La presente analisi si propone di esporre dettagliatamente questi cambiamenti. Particolare attenzione è rivolta ai dati attuali riguardanti gli effetti dei campi elettromagnetici su malattie neurologiche e sintomi associati, come mal di testa, disturbi del sonno e stanchezza.