Titolo Oxidative stress in electrohypersensitivity self-reporting patients: Results of a prospective in vivo investigation with comprehensive molecular analysis
Rivista International Journal of Molecular Medicine
Numero July 12, 2018     https://doi.org/10.3892/ijmm.2018.3774
Autori Philippe Irigaray 1,2, Daniela Caccamo 3 and Dominique Belpomme 1,2,4
Enti 1 Association for Research Against Cancer (ARTAC), France;
2 European Cancer and Environment Research Institute (ECERI), Belgium;
3 Department of Biomedical Sciences, Dental Sciences and Morpho-Functional Imaging, Polyclinic Hospital University, Italy;
4 Department of Clinical Research, Paris V University Hospital, France
Link https://www.spandidos-publications.com/10.3892/ijmm.2018.3774
Accesso https://www.spandidos-publications.com/10.3892/ijmm.2018.3774/download

 

Abstract

 

Un totale di 32 pazienti con auto-dichiarazione di elettroipersensibilità (EHS) sono stati inclusi in serie nell'attuale studio prospettico per la valutazione dello stress ossidativo e la valutazione della risposta allo stress antiossidativo. Tutte le sostanze reattive agli acidi tiobarbiturici (TBAR) sono state misurate nel plasma, in particolare la malondialdeide (MDA) per la perossidazione lipidica; ulteriori misurazioni comprendono le molecole di gruppo tiolico totale, il glutatione ridotto (GSH), il glutatione ossidato (GSSG) per la valutazione dello stress ossidativo e la nitrotirosina, un marker dello stress ossidativo / nitrosativo indotto da perossinitrito. Inoltre, l'attività della superossido dismutasi di Cu-Zn (SOD1) è stata misurata in globuli rossi (RBCs) e glutatione reduttasi (GR) e glutatione perossidasi (GPx) in globuli rossi e plasma. A seconda del biomarcatore considerato, il 30-50% dei pazienti che si autodichiarano EHS ha presentato un aumento statisticamente significativo di TBAR, MDA, GSSG e valori medi di livello plasmatico NTT rispetto ai valori normali ottenuti nei controlli sani (P <0,0001). Per contro, non si sono avuti valori di livello plasmatico superiori ai limiti normali superiori per GSH, rapporto GSH / GSSG, glutatione totale (GluT) e rapporto GSH / GluT, e i valori per questi biomarcatori associati al GSH erano statisticamente diminuiti nel 20-40% dei pazienti (P <0,0001). Inoltre, nei globuli rossi, è stato osservato un aumento statisticamente significativo delle attività di SOD1 e GPx in circa il 60% e il 19% (P <0,0001) dei pazienti, mentre l'aumento dell'attività di GR nei globuli rossi è stato osservato solo nel 6% dei pazienti. Il presente studio riporta per la prima volta, per quanto di nostra conoscenza, che circa l'80% dei pazienti che si autodichiarano EHS presenta uno, due o tre biomarcatori di stress ossidativo rilevabili nel sangue periferico, il che significa che questi pazienti - come il caso per il cancro, il morbo di Alzheimer o altre condizioni patologiche - sia affetto da un nuovo disturbo patologico vero e oggettivo.