Titolo Electromagnetic hypersensitive Finns: Symptoms, perceived sources and treatments, a questionnaire study
Rivista Pathophysiology
Numero 2013 Apr;20(2):117-22.
Autori Hagström M, Auranen J, Ekman R.
Enti Turku University of Applied Sciences/Telecommunication and e-Business/Radio and EMC Laboratory, Turku, Finland
Link http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23557856
Accesso http://www.avaate.org/IMG/pdf/Electromagnetic_hypersensitive_Finns_Symptoms_perceived_sources_and_treatments_a_questionnaire_study_Hagstrom_and_al_04_06_2013.pdf

 

 

Abstract

L'obiettivo è stato quello di analizzare le esperienze soggettive di finlandesi che si descrivono come affetti da ipersensibilità elettromagnetica (EHS), i loro sintomi, le fonti auto-percepite dei problemi di salute e l'efficacia delle terapie mediche e alternative. Un totale di 395 questionari sono stati spediti a persone che si ritengono elettrosensibili in auto-diagnosi. Di questi partecipanti, 345 appartengono a un gruppo Finlandese di auto-supporto e 50 erano esterne al gruppo. Il tasso di risposta dello studio è stato del 52.1% (206) e l'80.9% dei rispondenti è stato composto da donne. Prima dell'insorgenza dell'EHS, i problemi di salute più comuni erano differenti tipi di allergie (35.1%, 68). Durante la fase acuta di EHS i sintomi più comuni erano collegati al sistema nervoso: "stress" (60.3%, 117), "disturbi del sonno" (59.3%, 115) e "stanchezza" (57.2%, 111). Le sorgenti che sono state più frequentemente segnalate come aver innescato EHS sono state: "personal computers" (50.8%, 94) e "telefoni cellulari" (47.0%, 87). Gli stessi dispositivi sono stati indicati causare la maggior parte dei sintomi durante la fase acuta. Dopo che la fase acuta era passata, gli intervistati affermano di reagire ancora a questi stessi dispositivi digitali wireless mentre le reazioni causate da elettrodomestici elettrici di base si sono ridotte.

Secondo il 76% degli intervistati la riduzione o l'evitare i campi elettromagnetici li ha aiutati nel loro recupero pieno o parziale. I migliori trattamenti per EHS sono dati come: "cambiamento di dieta" (69.4%), "integratori alimentari" (67.8%) e "maggiore esercizio fisico" (61.6%). I trattamenti secondo le raccomandazioni ufficiali di psicoterapia (2.6%) e farmaci (-4.2%) non sono stati significativamente utili. 

Secondo i risultati attuali i protocolli di trattamento ufficiali dovrebbero tenere meglio in conto le esperienze proprie delle persone EHS. L'aver evitato le radiazioni elettromagnetiche ha efficacemente rimosso o diminuito i sintomi nelle persone EHS.