Titolo Immunohistopathologic demonstration of deleterious effects on growing rat testes of radiofrequency waves emitted from conventional Wi-Fi devices.
Rivista J Pediatr Urol.
Numero 2013 Apr;9(2):223-9. doi: 10.1016/j.jpurol.2012.02.015. Epub 2012 Mar 30.
Autori Atasoy HI, Gunal MY, Atasoy P, Elgun S, Bugdayci G.
Enti Departments of Pediatrics, Abant Izzet Baysal University School of Medicine, Bolu 14280, Turkey
Link http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22465825
Accesso  

Abstract

OBIETTIVO

Investigare sui testicoli di topo gli effetti della radiazione a radiofrequenza emessa da dispositivi domestici per l'accesso a Internet Wi-Fi che utilizzano gli standard 802.11g.

METODI

Dieci topi maschi di razza Wistar albino sono stati divisi in un gruppo sperimentale e uno di controllo, con cinque topi per gruppo. Sono stati usati dei gateway wireless standard comunicanti a 2.437GHz come sorgenti di onde a radiofrequenza. Il gruppo sperimentale è stato esposto a energia a radiofrequenza per 24 ore al giorno per 20 settimane. I topi sono stati sacrificati al termine dello studio. Sono stati analizzati dei campioni di sangue intracardiaco per rilevare i livelli di serum 8-hydroxy-2'-deoxyguanosine. I testicoli sono stati rimossi e analizzati istologicamente e immunoistochimicamente. I tessuti dei testicoli sono stati analizzati per rilevare i livelli di malondialdeide e le attività di enzimi anti-ossidanti.

RISULTATI

Abbiamo osservato significativi aumenti nei livelli sierici di 8 - idrossi - 2'- deossiguanosina e colorazione 8 - hydroxyguanosine nei testicoli del gruppo sperimentale, che indicano danni al DNA dovuti all'esposizione (p < 0.05). Abbiamo anche trovato diminuzione dei livelli di catalasi e glutatione perossidasi nel gruppo sperimentale, che può essere stata causata dagli effetti della radiofrequenza sull'attività enzimatica (p < 0.05).

CONCLUSIONI

Questi risultati sollevano interrogativi circa la sicurezza nell'esposizione a radiofrequenza prodotta da dispositivi Wi-Fi per l'accesso a Internet per gli organismi in crescita in età riproduttiva, con un effetto potenziale sia sulla fertilità che sull'integrità delle cellule germinali.