Titolo Exposure to Extremely Low Frequency Electromagnetic Fields during Pregnancy and the Risk of Spontaneous Abortion: A Case-Control Study
Rivista Journal of Research in Health Sciences
Numero Vol 13, No 2 (2013)
Autori Shamsi Mahmoudabadi Fa, Ziaei S, Firoozabadi Mb, Kazemnejad A.c
Enti a Department of Reproductive Health, Faculty of Medical Science, Tarbiat Modares University, Tehran, Iran
b Department of Medical Biophysics, Faculty of Medical Science, Tarbiat Modares University, Tehran, Iran
c Department of Biostatics, Faculty of Medical Science, Tarbiat Modares University, Tehran, Iran
Link http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24077469
Accesso http://jrhs.umsha.ac.ir/index.php/JRHS/article/view/848/

Abstract

Background: L'esposizione a campi elettromagnetici a frequenza estremamente bassa è sempre più comune, ma la potenziale influenza sulle donne in gravidanza non è stata oggetto di studi approfonditi.

Metodi: In questo studio caso-controllo del 2012, sono state registrate 58 donne che hanno avuto un aborto spontaneo inspiegato prima della quattordicesima settimana di gestazione e 58 corrispondenti donne incinte con gestazioni protrattasi oltre la quattordicesima settimane. Le donne hanno completato un questionario, che è stato utilizzato per raccogliere dati circa le caratteristiche socio-economiche e ostretiche, e le storie mediche e riproduttive. Poi, per valutare il campo magnetico a bassa frequenza, abbiamo misurato la grandezza del campo magnetico nelle abitazioni delle partecipanti con un tester del livello di esposizione (3D EMF tester Modello: ELF-828; Taiwan). Lo strumento copre una gamma di frequenza da 30 Hz a 3kHz.

Risultati: Il livello del campo magnetico a frequenza estremamente bassa nelle case delle partecipanti è stato trovato significativamente differente (p<0.001).

Conclusioni: L'esposizione a campo magnetico a frequenza estremamente bassa è probabilmente legata ad aborti spontanei precoci.