Titolo Cell oxidation–reduction imbalance after modulated radiofrequency radiation
Rivista Electromagnetic Biology and Medicine
Numero
Posted online on August 13, 2014. (doi:10.3109/15368378.2014.948184)
Autori
Enti Radiation Dosimetry and Radiobiology Unit, Institute for Medical Research and Occupational Health,Zagreb, Croatia
Link http://informahealthcare.com/doi/abs/10.3109/15368378.2014.948184
Accesso  

Abstract

Lo scopo di questo studio è stato quello di valutare l'influenza del campo elettromagnetico a radiofrequenza (RF) modulato a 1800 MHz, intensità 30 V/m sui processi di ossido-riduzione all'interno delle cellule. Il campo RF citato è stato generato da un apparato composto da un generatore di segnali, un modulatore e un amplificatore. La linea cellulare V79 è stata irradiata per 10, 30 e 60 minuti, il rateo di assorbimento specifico è stato calcolato essere pari a 1.6 W/Kg. L'attività cellulare metabolica e la vitalità sono state determinate mediante saggio MTT. Per definire il contenuto proteico totale, è stato utilizzato il metodo colorimetrico. La concentrazione delle proteine ossidate è stato valutato mediante un test immunoenzimatico. Sono state misurate per mezzo di un dispositivo lettore di piastre le specie reattive dell'ossigeno (ROS) marcate con sonda fluorescente 2',7'-dichlorofluorescin diacetato. In confronto con campioni di cellule di confronto, l'attività metabolica e il contenuto totale di proteine nelle cellule esposte non differivano in modo significativo. Le concentrazioni di derivati ​​carbonilici, un prodotto di ossidazione delle proteine​​, aumentano in maniera non significativa ma continuamente con la durata dell'esposizione. Nei campioni esposti, il livello di ROS è aumentato significativamente (p < 0.05) dopo dieci minuti di esposizione. E' stata osservata una diminuzione del livello di ROS dopo 30 minuti di trattamento, il che indica l'attivazione di un meccanismo di difesa antiossidante. In conclusione, nelle condizioni di laboratorio descritte, la radiazione a radiofrequenza modulata potrebbe causare danni all'equilibrio di ossido-riduzione all'interno delle cellule in crescita.