Titolo A cross-sectional case control study on genetic damage in individuals residing in the vicinity of a mobile phone base station.
Rivista Electromagn Biol Med.
Numero 2014 Jul 9:1-11. [Epub ahead of print]
Autori Gandhi G1, Kaur G, Nisar U.
Enti 1Department of Human Genetics, Guru Nanak Dev University , Amritsar, Punjab , India.
Link http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25006864
Accesso  http://tinyurl.com/o3nc4em

Abstract

Le stazioni radio base telefoniche facilitano la comunicazione, ma le radiazioni che emettono in maniera costante hanno sollevato preoccupazioni per la salute. Quindi, in questo studio è stato valutato il danno genetico utilizzando elettroforesi su gel a singola cella (comet assay test), su leucociti nel sangue periferico di soggetti risiedenti in prossimità di stazioni radio base telefoniche, confrontandolo con quello su controlli sani. La densità di potenza nell'area entro 300 metri eccedeva i limiti permessi ed era significativamente (p=0.000) più alta in confronto all'area dove i campioni di controllo sono stati raccolti. I partecipanti allo studio hanno compreso 63 persone con residenze vicine a un impianto telefonico, e 28 controlli sani appaiati per sesso, età, consumo di alcool e sottogruppi occupazionali. I parametri di danno genetico della lunghezza di migrazione del DNA, frequenza del danno e indice del danno sono stati significativamente (p=.0.000) elevati nel gruppo campione rispetto ai controlli sani. I residenti di sesso femminile (n=25) del gruppo campione hanno avuto significativo (p=0.004) danno genetico elevato rispetto ai residenti maschi (n=38). L'analisi di regressione lineare ha inoltre rivelato l'utilizzo giornaliero del telefono cellulare, la posizione della residenza e la densità di potenza quali predittori significativi di danno genetico. L'evidente danno genetico nei partecipanti a questo studio deve essere affrontato riguardo al rischio di future malattie, che in aggiunta a disordini di tipo neurodegenerativo, può condurre al cancro.